Addestramento Articoli

Cani e bambini: come rapportarsi

Purtroppo gli incidenti domestici fra cani e bambini non sono rari, ecco quel che dovremmo sapere

Le cronache di questi ultimi anni ci hanno purtroppo ribadito come il rapporto tra cani e bambini non sia privo di rischi: i bambini sono tra le vittime più frequenti di incidenti, anche mortali, con i cani. I motivi sono vari, ma possono essere ricondotti soprattutto al fatto che i nostri piccoli non riconoscono i pericoli e hanno un’eccessiva fiducia negli animali, senza considerare la reazione che potrebbe avere un cane sconosciuto. Ciò non significa che non possano accadere spiacevoli incidenti anche col proprio cane.

Gestire il rapporto tra cani e bambini

Guardando il nostro cane, ci risulta difficile pensare ad un possibile incidente. Eppure, le statistiche non sono dalla nostra parte e ci confermano che il pericolo maggiore sta nel maggior numero dei casi, proprio fra le mura domestica. Quindi, è possibile prevenire gli incidenti domestici? Ecco qualche consigli.

Regola 1: non lasciare un bambino solo con il cane

Soprattutto se piccolo, il bambino può anche solo involontariamente andare oltre la soglia di pazienza del cane e magari ricevere un colpo o un morso che, date le dimensioni del piccolo, potrebbero causare conseguenze molto gravi. Il consiglio è che ci sia sempre un adulto in grado di intervenire, non fosse altro che per far smettere il bambino o sgridare il cane.

Regola 2: fidatevi del vostro cane, ma siate prudenti

Il cane, non dimentichiamolo mai, è un essere vivente diverso da noi, che ragiona, si comporta e reagisce in modo diverso. Pertanto, pur conoscendolo soprattutto se vive con noi da tempo, non potremo sapere cosa gli passa veramente per la testa. Per questo, quando si tratta di bambini, fate attenzione e siate prudenti.

Regola 3: insegnate ai bambini a rispettare i cani

È fondamentale che i bambini, già dai 4-5 anni, imparino a rispettare l’animale di casa. In questo modo, impareranno anche a rispettare ed amare tutti i cani, ma soprattutto, capiranno come comportarsi. Ad esempio a non disturbarlo mentre dorme, mangia; oppure a non eccedere nei giochi violenti. Fondamentale è poi insegnare loro quali sono in genere i messaggi di allarme che il cane invia prima di reagire e a comportarsi di conseguenza.

Regola 4: insegnate ai bambini ad avvicinare in modo corretto i cani estranei

La prima cosa che fa un bambino non cinofobo (che ha paura dei cani) quando ne vede uno per strada, è di lanciarsi verso di lui per accarezzarlo. Questo gesto, però, potrebbe creare anche qualche problema. Insegnate allora ai vostri figli ad avvicinarsi con cautela, a chiedere prima al padrone il permesso di accarezzare il cane, e a farlo non sulla testa ma sulla gola e il petto.

Insegnategli poi a non entrare per nessuna ragione ad entrare da soli in un giardino/cortile/terreno dove ci sia un cane non conosciuto.  Il rischio di essere aggrediti è infatti molto alto. Qualora ci sia necessità di farlo (ad esempio perché lì è caduto il pallone), insegnategli a suonare sempre al proprietario di casa o comunque ad avvertirlo della sua necessità.

Regola 5: insegnate al cane ad obbedire a tutti

Se il cane avrà imparato ad obbedire anche ai bambini (cosa auspicabile sempre), è più facile che possa essere gestito da questi ultimi con più facilità ed efficacia, riducendo anche il rischio di incidenti.

Seguendo tutti questi consigli, il vostro bambino instaurerà un rapporto bellissimo con il cane di famiglia, e del resto, i bimbi che crescono vicino ad un animale domestico, sono più sani e felici, è scientificamente provato! Per saperne di più, clicca qui.

Commenta via Facebook
Tags

In Edicola

Speciali

gallery

PUBBLICA LE FOTO
DEL TUO CANE!

Condividi le immagini più belle del tuo fedele amico a quattro zampe
e vota quelle degli altri appassionati

Le foto più votate verranno pubblicate su Argos e Il Mio Cane!

CLICCA QUI PER INIZIARE