Alimentazione Articoli Primo Piano

Esiste il cane vegetariano?

Un cane può diventare vegetariano?

Tra le aberrazioni che purtroppo, in qualche caso, avvengono anche da noi in Italia e sono il frutto di un concetto dell’animale distorto e privo di fondamenta tipico degli ultimi anni, c’è l’idea che possa esistere il cane vegetariano o addirittura vegano. Questa pratica  nasce in genere per due motivi: da una parte il proprietario è lui stesso vegetariano o vegano e, quasi per traslazione, costringe anche il cane a esserlo; dall’altra, il proprietario aborrisce l’idea che il suo animale possa cibarsi della carne di altri animali e preferisce una forma di dieta più “politically correct”.

Ecco perchè un cane non può essere vegetariano

dog lying with broccoli

È superfluo dire che de gustibus non disputandum est (sui gusti di ognuno non c’è da discutere) e pertanto ciascuno è libero di fare le scelte che crede. Tuttavia, nel momento in cui la sorte ha lasciato a noi umani il compito di decidere anche per il cane, le cose cambiano. Il cane vegetariano non esiste. È piuttosto fondamentalmente carnivoro, anche se sarebbe più corretto dire che è tendenzialmente onnivoro; mangia cioè di tutto.

Per comprendere questa semplice verità, basta guardare il corrispettivo selvatico del cane. Il lupo è un carnivoro, ma a ben guardare anch’esso è  tendenzialmente onnivoro. Divorando le prede erbivore, infatti, spesso mangia anche lo stomaco e ciò che esso contiene, vale a dire tracce di vegetali ma anche di frutta. L’alimentazione del lupo, insomma, è perlopiù composta da proteine e grassi derivanti dalla carne, ma in parte è anche composta dei sali minerali che gli derivano dalle ossa e dalle proteine e vitamine vegetali che assume in maniera indiretta. Ma non solo. Il lupo infatti non disdegna talvolta di mangiare qualche bacca o dell’erba, confermando in questo modo la sua tendenza a essere onnivoro.

Per il cane il discorso è simile. A lui non tocca, per fortuna, dover faticare per cacciare le prede. Ma nei mangimi completi e bilanciati in commercio – e consigliati dai medici veterinari – l’apporto nutritivo totale deriva sia da fonti animali sia da quelle vegetali. Pertanto, escludere l’intero apporto nutritivo derivante dalla carne e dai suoi derivati, è un errore prima salutistico, e poi anche etologico.

Dobbiamo smettere di guardare al cane come se fosse un essere simile a noi in tutto e per tutto. Non lo è affatto. E forse, quando questo messaggio verrà recepito veramente, potremo avere al nostro fianco compagni a quattro zampe più sani e… felici.

Commenta via Facebook

Aggiungi Commento

Clicca qui per inserire un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Edicola

Speciali

gallery

PUBBLICA LE FOTO
DEL TUO CANE!

Condividi le immagini più belle del tuo fedele amico a quattro zampe
e vota quelle degli altri appassionati

Le foto più votate verranno pubblicate su Argos e Il Mio Cane!

CLICCA QUI PER INIZIARE