Articoli Salute

Sterilizzazione di una cagnolina: sì o no?

Cosa comporta la sterilizzazione di un cane femmina?

La sterilizzazione è un intervento chirurgico, ed è particolarmente discusso per quanto riguarda i cani di sesso femminile: molti sono a favore, considerandolo praticamente necessario per la salute del cane, altri sono totalmente contrari.

In particolare, la sterilizzazione di un cane femmina permette di prevenire alcune gravi malattie, come le piometre o i tumori, evitare gravidanze isteriche e altre patologie che approfondiremo più avanti. Se volete sterilizzare la vostra cagnolina, il momento migliore è quello antecedente il suo primo calore, anche se alcuni veterinari consigliano di far fare almeno una cucciolata alla propria cagna prima dell’intervento: come spesso accade, questo è a discrezione del veterinario a cui si rivolge e non esiste un opinione unanime. Tuttavia, secondo le statistiche, l’incidenza del tumore su cangnoline sterlizzate dopo una cucciolata o uno o più calori è molto più alta di quelle sterilizzate prima di tutto ciò.

PRO: perchè far sterilizzare la propria cagnolina

Prima di tutto, sterilizzare il proprio cane significa evitare qualsiasi gravidanza indesiderata: tenete sempre presente che far adottare una cucciolata non è semplice come sembra! Potreste finire col ritrovarvi con dei cuccioli “indesiderati” ed essere costretti a ricorrere al canile avendo esaurito ogni altra possibilità.

Un altro punto a favore della sterilizzazione: eviterà che la vostra cagnolina incora in gravidanze isteriche. La gravidanza isterica è un fenomeno particolare e problematico: il cane presenta tutti i sintomi tipici di una gravidanza, quindi anche il ventre gonfio, nonostante il fatto che non si sia assolutamente accoppiata e ovviamente non sia gravida. Questo problema, richiede l’intervente del veterinario.

La sterilizzazione poi, come abbiamo detto, riduce di molto il rischio di tumori alle mammelle ma soprattutto alle ovaie, riduce il rischio di infezioni uterine, meglio note come piometre e riduce di molto anche il rischio di cisti ovariche.

CONTRO: i rischi della sterilizzazione

Ovviamente, la sterilizzazione implica un intervento chirurgico, e nonostante i rischi siano veramente bassi, nessuna operazione è immune da una certa quantità di rischi imprevisti. Tenete presente però, che la sterilizzazione è un intervento praticamente di routine, e il rischio più elevato è quello dell’anestesia, proprio come accade per qualsiasi intervento negli esseri umani.

Un problema grave dovuto alla sterilizzazione, seppur molto raro, è quello dell’incontinenza: la vostra cagnolina non riuscirà più a trattenere l’urina a suo piacimento, soprattutto per quanto riguarda piccole perdite. Può accadere, ma come specificato qui sopra, capita raramente, perciò vi consigliamo di discuterne col vostro veterinario.

Il contro maggiore della sterilizzazione di un cane sta nell’aumento di peso. I cani sterilizzati tendono ad ingrassare, è innegabile. Tuttavia spesso non si tratta soltanto dell’intervento in sé, ma anche della dieta imposta dal padrone al cane. E’ importante trovare, e stabilire insieme al proprio veterinario, un alimentazione equilibrata che permetta alla vostra cagnolina di mantenersi in forma e in salute. Esistono sul mercato infinite opzioni di croccantini per così dire “dietetici” ma ad alto contenuto nutrizionale. Perciò, adottando i giusti accorgimenti, il rischio dell’obesità è veramente basso.

 

 

Commenta via Facebook

In Edicola

Speciali