Articoli Primo Piano Travel

In auto con cani e gatti: norme e consigli utili

Se vogliamo portare cani e gatti (ma non solo) in vacanza con noi, probabilmente ci muoveremo in auto. Non è detto, certo, ma mentre con gli altri mezzi di trasporto al momento dell’acquisto del biglietto ci verrà spiegata ogni cosa, nel caso dell’automobile troppi aspetti sono dati per scontati. Ecco, quindi, una guida utile!

Cosa dice la legge sul trasporto di cani e gatti

Il Codice della strada prevede che si possa trasportare senza particolari accorgimenti un solo animale domestico, purché non disturbi la guida e non limiti la visuale del conducente. Ciò significa che l’animale non può essere libero di muoversi nell’abitacolo, non può saltellare tra un sedile e l’altro e, soprattutto, non può stare in braccio o tra le gambe del guidatore.

Se, invece, vogliamo trasportare due o più animali, è obbligatorio che gli stessi siano “custoditi in apposita gabbia o contenitore”, oppure possono essere lasciati liberi sui sedili posteriori o nel vano portabagagli ma, in questo caso, il posto di guida deve essere separato con un’apposita rete o grata che deve essere necessariamente approvata dal competente ufficio provinciale della Direzione generale della Motorizzazione.

Fanno eccezione a questa regola una serie di vetture appositamente autorizzate (quali quelle del personale militare o di soccorso). Nel caso in cui si viaggi con più di un animale domestico senza gli appositi sistemi di ritenuta, oppure nel caso in cui si viaggi con un solo animale tale da costituire una distrazione per il conducente e un pericolo per la guida, è prevista una sanzione amministrativa che va da 85 a 338 euro.

Come viaggiare in sicurezza

Validi strumenti di protezione per assicurare l’incolumità dei viaggiatori sono le cinture di sicurezza. Utilizzate più che altro per i cani, sono sistemi d’imbracatura che vanno agganciati alle cinture già presenti sull’auto utilizzate dagli esseri umani. Il kennel (o trasportino), invece, è disponibile in varie misure per adattarsi alle dimensioni dell’animale: costruito con varie fogge e materiali, il kennel è il sistema preferibile per il trasporto di animali di piccola o media taglia, e soprattutto per il trasporto di gatti e conigli. Un trasportino che limiti la visione dell’esterno e che crei una sorta di “effetto tana” può aiutare il cane o il gatto a stare più tranquillo ed evitare spiacevoli conseguenze, ovviamente purché l’animale sia stato preventivamente abituato a viaggiare in questo modo.

Il regolamento europeo sulla movimentazione degli animali da compagnia

Ecco il regolamento 998/2003 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 26 maggio 2003: movimentazione degli animali da compagnia.

Microchip. Dal 1° gennaio 2005 è obbligatorio l’inserimento del microchip sottocute per tutti i cani e gatti nati successivamente a questa data.

Passaporto. Dal 1° ottobre 2004 è obbligatorio per tutti gli animali d’affezione. Per ottenere il passaporto è necessario che il cane, il gatto o il furetto abbiano già il microchip, siano iscritti all’anagrafe veterinaria dell’ASL di zona, abbiano effettuato la vaccinazione antirabbica.

• Il passaporto può essere richiesto dopo 21 giorni dall’effettuazione della vaccinazione antirabbica e non ha scadenza.

Commenta via Facebook

In Edicola

Speciali

gallery

PUBBLICA LE FOTO
DEL TUO CANE!

Condividi le immagini più belle del tuo fedele amico a quattro zampe
e vota quelle degli altri appassionati

Le foto più votate verranno pubblicate su Argos e Il Mio Cane!

CLICCA QUI PER INIZIARE