Articoli

Le origini del Dogo Argentino

Quali sono le origini del Dogo Argentino? La leggenda narra che fosse un cacciatore di puma…

Leggenda vuole che il Dogo Argentino discenda dai mastini che i conquistadores spagnoli portarono con sé nelle Americhe, dove ebbero certo un ruolo nella sottomissione delle popolazioni locali, finendo poi per essere impiegati, nei secoli successivi, per la caccia e per la guardia. Un’origine lontana, quasi mitica, che fa da sfondo al lavoro di selezione, ben documentato, condotto agli inizi del Novecento da Antonio Nores Martìnez, medico chirurgo appassionato cacciatore.

Il lavoro di selezione partì dal Perro de Pelea Cordobés, cane utilizzato per i combattimenti, a cui fu unito il sangue di altre razze, tra cui Mastino Spagnolo, Mastino dei Pirenei, Bull Terrier, Alano, Boxer, Dogue de Bordeaux, Pointer, Bulldog Inglese, Levriero Irlandese. Il risultato fu un cane dall’aspetto imponente ma elegante, tenace, coraggioso, caratteristiche che lo rendevano particolarmente adatto a cacciare nelle vaste distese della pampa argentina, affrontando avversari davvero “tosti” quali i puma. Nel 1928 fu redatto il primo standard e nel 1946 il Dogo fu presentato al Club de Cazadores di Buenos Aires. Alla morte di Martìnez, fu il fratello Agustin a portare avanti il suo lavoro e a ottenere il riconoscimento ufficiale della razza nel 1973. Questi sono anche gli anni in cui il Dogo Argentino arrivò per la prima volta in Italia…

Vieni a conoscere il Dogo Argentino nel nuovo numero di Il Mio Cane! In edicola da metà ottobre.

Commenta via Facebook

In Edicola

Speciali

gallery

PUBBLICA LE FOTO
DEL TUO CANE!

Condividi le immagini più belle del tuo fedele amico a quattro zampe
e vota quelle degli altri appassionati

Le foto più votate verranno pubblicate su Argos e Il Mio Cane!

CLICCA QUI PER INIZIARE