Articoli Comportamento

Cane e segnali di pace: come interpretarli nel modo corretto

Cane e segnali di pace: imparare a comprenderli

Nel mondo degli animali sociali, e il cane appartiene indubbiamente a questa categoria, è essenziale comunicare con chiarezza le proprie intenzioni al prossimo ma è altrettanto importante che il messaggio venga recepito, per evitare malintesi. In genere, salvo eccezioni dovute al precoce allontanamento, cioè prima dei due mesi, dalla madre e dai fratellini che pregiudica l’apprendimento del linguaggio della specie, i cani sono molto bravi a capirsi tra loro. Non si può dire lo stesso, invece, per quanto riguarda la nostra abilità di comprendere i loro segnali che, sovente, equivochiamo, creando incomprensioni. Accade più spesso di quanto si creda e in molti casi proprio quando il cane sta tentando di comunicarci qualcosa di importante. Per esempio, quando vuole trasmetterci la sua volontà di pace, il suo desiderio di evitare qualsiasi conflitto con noi. Vediamo allora di capire un po’ meglio alcune gestualità canine che mirano e evitare i conflitti e di interpretarle correttamente: un vantaggio per tutti, per noi e per il cane.

Cane e segnali di pace: pancia all’aria e vulnerabilità

Ecco una postura che tutti conosciamo, perché molti cani la utilizzano quando gli facciamo le coccole, ma il suo significato principale, in realtà, è un altro. Come possiamo vedere nella foto sopra che ritrae un lupo adulto che mostra i denti a un cucciolo, la posizione di quest’ultimo ha lo scopo di segnalare all’adulto la sua assoluta non belligeranza. Il significato, nello specifico, è questo: “Sono piccolo e indifeso e sono alla tua mercé. Se volessi potresti uccidermi ma non lo farai perché sai che sono innocuo e non ho nessuna intenzione di lottare con te”.

Cane e segnali di pace: Zampa alzata e retaggi dell’infanzia

Questo segnale viene spesso scambiato per una sorta di “saluto” canino in stile umano. Niente del genere. Quando una zampa anteriore del nostro cane si solleva a mezz’aria e sembra voler allungare una sorta di carezza nel vuoto, il messaggio è questo: “Sono piccolo e dipendo da te, non sono pericoloso e non voglio litigare, anzi!”. Il tutto viene da un’azione che il cane  ha compiuto molte volte quando era piccolo, cioè succhiare il latte dalla mamma. Per farlo, i cuccioli premono con le zampine ai lati del capezzolo, per far uscire il latte.

 

L’articolo completo sul nuovo numero del il mio cane in edicola da metà aprile oppure disponibile online cliccando qui 

Commenta via Facebook

In Edicola

Speciali

gallery

PUBBLICA LE FOTO
DEL TUO CANE!

Condividi le immagini più belle del tuo fedele amico a quattro zampe
e vota quelle degli altri appassionati

Le foto più votate verranno pubblicate su Argos e Il Mio Cane!

CLICCA QUI PER INIZIARE