News Primo Piano

I cani della Sics salvano due donne che stavano affogando

Due donne rischiano di affogare e vengono salvate dai cani della Sics

A Tarquinia i cani della squadra SICS, scuola italiana cani da salvataggio, hanno salvato due persone che stavano annegando; le due donne sono state tratte in salvo dai cani da salvataggio operanti nelle strutture all’uopo predisposte sulle nostre spiagge. I cani sono stati impegnati anche nel salvataggio, sempre nella stessa giornata, si tre ragazzi che stavano per essere risucchiati dalla corrente.

Sono due storie che per fortuna si sono concluse bene per i sopravvissuti. Molte sono le storie di salvataggio attuate da questi angeli del mare a quattrozampe. Per questo, domenica mattina a Tarquinia,  il Vice Sindaco Martina Tosoni, l’Assessore Manuel Catini ed il consigliere delegato alla protezione civile Roberto Benedetti, hanno voluto andare in visita presso l’unità della SICS presente sulle spiagge di Sant’Agostino, partecipando in prima persona ad una simulazione di salvataggio: hanno constato così l’importanza che tale servizio ricopre nella salvaguardia della cittadinanza e dei numerosi turisti.
La collaborazione con la SICS,  è stata voluta fortemente dal sindaco Pietro Mencarini e attuata dal consigliere Benedetti: “Ringrazio la SICS per l’impegno quotidiano che svolge sulle nostre spiagge con le loro unità cinofile, impiegate in attività di pattugliamento su ampi tratti di litorale, grazie al contatto radio con la Capitaneria di Porto ed il Pronto Soccorso sanitario, sono in grado di rispondere ad ogni tipo di emergenza, rendendo determinante la loro presenza. Per questo motivo, anche quest’anno, l’Amministrazione Comunale ha stipulato una convenzione con la SICS per la creazione di punti integrati di salvataggio, in particolar modo nelle zone di Sant’Agostino e Spinicci. Presenti sul territorio 8 unità cinofile, 2 moto d’acqua e 1 gommone. Numerosi gli interventi già effettuati in ausilio ai bagnini e sottolineo quello eseguito nei pressi dello stabilimento Free Beach che ha salvato la vita a due donne in difficoltà

Commenta via Facebook

In Edicola

Speciali