Addestramento Articoli Primo Piano

L’arrivo di un cane: i primi passi in casa

Cosa fare con un cucciolo che entra per la prima volta in quella che sarà la sua casa?

Il momento in cui entra il cane in casa per la prima volta, dopo aver vissuto fino ad allora dall’allevatore, è certamente critico e impone alcuni accorgimenti, per evitare shock che poi potrebbero rivelarsi pericolosi anche in seguito. A partire dal viaggio dall’allevamento all’arrivo nella nuova casa.

Se, come probabile, usate la macchina, è bene che ci siano almeno due persone: la prima alla guida, la seconda che tiene il cane, in braccio oppure tra le gambe, sul sedile davanti. In questo modo il cane proverà un senso di rassicurazione, anche se è facile e probabile che si senta comunque spaesato. Durante il viaggio calmatelo con un tono di voce dolce e delle carezze, in modo da fargli capire che è accolto tra persone che gli vogliono bene.

L’arrivo del cane in casa

Nel frattempo la casa dovrà comunque essere pronta e attrezzata: con una ciotola d’acqua fresca, una con del cibo per cuccioli e magari una coperta sistemata nel luogo della casa che avete deciso potrà essere l’angolo dedicato al cane (lontano ai caloriferi!).

Una volta arrivati a casa, portate subito il cucciolo nel posto dove avete deciso dovrà fare pipì: in un punto preciso del giardino, sui giornali oppure in un’area sotto casa. E aspettate: prima o poi la farà. A quel punto lodatelo come se avesse vinto il premio Nobel. Questo è fondamentale perché il piccolo capisca subito dove fare i bisogni, e sia spinto a ritornare proprio in quel punto per ricevere altre lodi.

Fondamentale è poi che, appena arrivato il cane in casa, non ci sia troppa confusione attorno al cucciolo. È ovvio che attrae l’attenzione di tutti, specie dei bambini. Ma c’è tutto il tempo per goderselo con calma. Lasciate quindi che si ambienti, gironzolando a destra e a sinistra e annusando tutto, prima di crollare in un inevitabile sonnellino dovuto anche allo stress. Una volta sveglio, poi, portatelo immediatamente nel luogo deputato a fare la pipì: la probabilità che la faccia è difatti altissima!

Con un cucciolo ci vuole calma e pazienza

Non preoccupatevi se il cucciolo non mangia subito nelle prime ore. È normale. Deve ambientarsi e capire dov’è finito. Quindi non forzatelo. Se annusa la ciotola senza assaggiare nemmeno un bocconcino, levategliela e riponetela a terra più tardi.

Nei giorni a seguire il cucciolo imparerà a muoversi in maniera baldanzosa in casa, iniziando a riconoscere le facce familiari e a scodinzolare per la gioia di vederle. È un momento magico da godersi tutto. Ma molto dipende proprio dalle prime ore passate fuori dall’ambiente familiare dell’allevamento.

La regola fondamentale per gestire l’arrivo del cane in casa è dunque: non avere fretta. Date al cucciolo il tempo necessario per conoscervi e conoscere la nuova casa. Ma, fondamentale, imponete fin dal primo istante le regole che poi avranno valore per tutta la vita del cane. Ciò che decidete di vietare, vietatelo sin da subito (es. salire sul divano o sul letto); ciò che invece decidete di permettere, permettetelo fin da ora.

Commenta via Facebook

Aggiungi Commento

Clicca qui per inserire un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Edicola

Speciali

gallery

PUBBLICA LE FOTO
DEL TUO CANE!

Condividi le immagini più belle del tuo fedele amico a quattro zampe
e vota quelle degli altri appassionati

Le foto più votate verranno pubblicate su Argos e Il Mio Cane!

CLICCA QUI PER INIZIARE