Razze

Jack Russell Terrier

Simpaticissimo e pieno di vita, questo piccolo ma deciso terrier ha il dinamismo degli antenati cacciatori e un amore per la famiglia davvero sconfinato.

Cosa fa meglio

Ottimo cane da compagnia per chi ama la vita attiva, può essere usato per sport cinofili come per esempio l’Agility e può essere un buon guardiano avvisatore. Non è adatto a una vita sedentaria.

Malattie frequenti

Nessuna di rilievo.

Cuccioli

Non dobbiamo valutare l’acquisto di un Jack Russell Terrier con l’idea di metterci in casa un cagnolino tranquillo e facile da gestire. La straordinaria personalità, il forte carattere e la travolgente simpatia con la quale spesso ci porterà a dargliela vinta rendono il rapporto con lui abbastanza impegnativo. Fin da quando è cucciolo il Jack Russell è capace, con la sua espressione tenera e indifesa, di far innamorare tutte le persone della famiglia, ma in realtà il temperamento è quello vivacissimo e travolgente di un terrier che fino a poco tempo fa (e ancora oggi nelle prove di caccia) entrava impavido nella tana della volpe, stanandola. Il Reverendo John Russell, padre della razza, non voleva che i suoi cani uccidessero la volpe: dovevano solo obbligarla a uscire dalla tana. Questo appassionato allevatore non riteneva infatti sportivo uccidere il selvatico e non voleva rischiare che i suoi cani fossero feriti. Per entrare in una tana e affrontare la volpe, però, ci vuole comunque un bel coraggio e molta determinazione: caratteristiche che ancora oggi la razza possiede. Dobbiamo tenerne conto quando abbiamo a che fare con i Jack Russell, perché l’ostinazione tipica di questi piccoli terrier li porta a ricercare tenacemente quello che desiderano e a insistere per ottenerlo. Ecco che per avere un compagno piacevole è bene insegnare subito quando è cucciolo al nostro amico quello che gli è permesso e quello che non lo è. Quando diverrà adulto sarà infatti molto difficile fargli perdere le cattive abitudini. Nonostante il carattere vivace e battagliero il Jack Russell Terrier ha bisogno di molto affetto e ricambierà l’amore che gli riserveremo con tutto il cuore, manifestando i suoi sentimenti con atteggiamenti dolci e sguardi innamorati.

Caratteristiche

  • Taglia: Piccola
  • Pelo: Corto
  • Colori: Prevalentemente bianco, con macchie nere o focate definite, limitate alla testa, al fianco o alla radice della coda.
  • Costo nutrizione: Basso
  • Adatto ai bambini: Normale
  • Adatto allo sport: Normale

Origine

Sin dall’antichità in Inghilterra ci sono dei cani di taglia medio-piccola adatti a cacciare i piccoli animali selvatici e a rincorrerli fin dentro le tane sottoterra. Ne parla già lo storico Arriano Flavio nel primo secolo dopo Cristo. La massima popolarità di queste razze si è avuta però a partire dal Millesettecento, quando la caccia alla volpe è diventata molto popolare in Gran Bretagna e ha iniziato a diffondersi sempre più tra le famiglie nobili. Venivano impiegati dei segugi (i Foxhound) per inseguire la volpe in superficie e dei terrier per stanarla quando si rifugiava nei cunicoli. Il reverendo anglicano John Russell (1795 – 1883), conosciuto amichevolmente come Jack Russell, è stato una personalità molto importante per la cinofilia inglese. Appassionato di caccia alla volpe, per tutta la vita ha allevato e selezionato dei terrier sempre più specializzati in questa attività, molto noti e ricercati in tutta l’Inghilterra. Il religioso è stato anche tra i fondatori del Kennel Club inglese (l’importantissimo ente  cinofilo nazionale britannico, ancora oggi molto attivo) nel 1873. Per mezzo di incroci tra i vari terrier esistenti (in tutta la Gran Bretagna ce n’erano molte varietà) John Russell è riuscito a ottenere sostanzialmente due varietà: una a gamba lunga, che è stata chiamata Parson Jack Russell Terrier (parson in inglese vuol dire pastore della Chiesa Anglicana) e riconosciuta ufficialmente nel 1990, e una a gamba corta, il Jack Russell Terrier, appunto, che è stata riconosciuta dalla cinofilia ufficiale nel 2001. I piccoli Jack Russell avevano il compito di stanare la volpe, non di ucciderla in tana, poiché Russell riteneva la cosa poco sportiva e considerava il vero scopo di questa caccia l’inseguimento e non l’uccisione della preda. Anche se la razza ha ricevuto il riconoscimento ufficiale solo nel 2001, già prima il Jack Russell Terrier era molto diffuso in Inghilterra e negli Stati Uniti e anche in Europa e in Italia era presente in discreto numero.

Carattere

I Jack Russell sono cani allegri, vivacissimi, simpatici ed esuberanti. In loro compagnia non è possibile annoiarsi e, ugualmente, non è facile non accorgersi della loro presenza. Come compagni della famiglia sono ideali: le dimensioni contenute, il mantello che non ha un odore intenso, la simpatia e il desiderio di stare sempre con i padroni li rendono piacevolissimi amici dell’uomo. Una volta giunti in casa, si sceglieranno istintivamente una persona della famiglia che diverrà il loro “padrone” e per la quale avranno per tutta la vita una devozione particolare, pur amando profondamente tutti i famigliari. Possono seguirci in gita, in viaggio, in vacanza e si riesce a trasportarli facilmente sia in automobile sia sui mezzi pubblici di ogni genere (su questi ultimi è necessario munirsi di museruola). Il Jack Rusell Terrier è un cane vivace e di forte personalità: per lui ci vuole un padrone che ami lo sport e il movimento e che abbia un carattere determinato. Questa razza ha infatti bisogno di un proprietario che la sappia tenere in pugno (senza mai, naturalmente, usare le maniere forti). Non bisogna farsi ingannare dall’aspetto tenero e simpatico e dalla mole contenuta: questi cani sono veri vulcani a quattro zampe, capaci di scagliarsi con coraggio temerario anche contro cani molto più grandi. Bisogna inoltre insegnar loro a ubbidire fin da quando sono cuccioli, poiché tenteranno per tutta la vita di imporre le loro regole al padrone che, se vorrà vivere tranquillo, non dovrà mai cedere. La formidabile energia del Jack Russell deve essere fatta sfogare con una buona dose di moto, sia con lunghe passeggiate, magari in campagna, sia con attività sportive come l’Agility o l’Obedience.

I Jack Russel Terrier hanno bisogno di un’alimentazione sana ed equilibrata. L’ideale sono i cibi studiati per cani di piccola taglia, somministrati in quantità proporzionale allo stile di vita del cane (più è sedentario, più dovremo tener leggera la sua dieta). È molto importante che il cane abbia un’alimentazione adatta alla sua età oltre che al suo stile di vita. Un cucciolo infatti ha bisogno di un nutrimento diverso da quello di un adulto, che a sua volta ha esigenze differenti da quelle di un cane anziano. Non diamo se possibile da mangiare al cane in un’unica soluzione ma suddividiamo la sua razione giornaliera (che va stabilita con il veterinario in modo da evitare problemi di peso) in almeno due pasti al giorno o meglio ancora tre. Il cibo andrebbe somministrato a orari regolari, uguali tutti i giorni. Il nostro cane deve avere sempre a disposizione acqua fresca nella ciotola, in particolare nella stagione calda ma anche durante l’inverno. Il peso va tenuto sotto controllo regolarmente. Quando spazzoliamo e accarezziamo il nostro cane verifichiamo che la pancia non sia troppo grossa e che si sentano le costole palpandola. Se il nostro amico ci sembra soprappeso, non esitiamo a portarlo dal veterinario e a decidere con lui una strategia alimentare e un regime di moto che gli permettano di riconquistare il giusto peso. Essere troppo pesante è infatti un rischio per il cane, non solo dal punto di vista della salute ma anche da quello del carattere, perché lo porta ad avere una vita meno attiva e stimolante.

Il Jack Russell Terrier è un cane robustissimo e sano. Selezionati per cacciare e stare all’aperto con ogni clima e in ogni condizione di tempo questi cani (qualunque sia il tipo di mantello che hanno) affrontano pioggia, neve, gelo, caldo e freddo senza alcuna difficoltà. Possono vivere all’aperto, in una cuccia in giardino ma certo preferiscono stare in casa con gli adorati padroni. La vita a contatto con l’uomo favorisce inoltre il completo sviluppo della straordinaria intelligenza tipica della razza. Dobbiamo però assicurarci di comprare il nostro esemplare da un buon allevatore, che selezioni a partire dalle migliori linee di sangue. Il mantello non richiede cure particolari. Un paio di belle spazzolate alla settimana saranno sufficienti a mantenerlo in ordine. Solo i soggetti che devono essere presentati in esposizione potrebbero necessitare di qualche ritocco al pelo o di operazioni di “stripping”. Cerchiamo di mantenere una buona igiene orale e facciamo dei controlli regolari per evitare la formazione di tartaro. Come per tutte le razze sono fondamentali le vaccinazioni annuali, oltre a regolari protezioni antiparassitarie (anche i cani che vivono in un ambiente pulito e casalingo possono essere attaccati dai parassiti!) e contro la Filariosi Cardio Polmonare.

Nome originale:
Jack Russell Terrier
Nazione:
Inghilterra
Altezza garrese Maschio max:
30.0
Altezza garrese Maschio min:
25.0
Altezza garrese Femmina max:

Altezza garrese Femmina min:

Peso Maschio max:
10.0
Peso Maschio min:
7.0
Peso Femmina max:

Peso Femmina min:

Club Razza:
Società Italiana Terrier
Mantello:
Il pelo può essere liscio, spezzato o ruvido. Deve essere impermeabile. I mantelli non devono essere manipolati per apparire lisci o spezzati.
Coda:
A riposo può piegarsi. In movimento deve essere eretta e, se è tagliata, la sua punta deve essere allo stesso livello delle orecchie.
Caratteristiche:
Forte e attivo Terrier da lavoro, di grande carattere, con corpo flessibile di media lunghezza.
Standard:

Origine: britannica.

Aspetto generale: forte e attivo Terrier da lavoro, di grande carattere, con corpo flessibile di media lunghezza. Il suo vivace movimento si sposa con l’acuta espressione del muso.

Comportamento: Terrier vivace, attivo e sempre attento con espressione acuta e intelligente. Coraggioso, amichevole ma piuttosto diffidente nei confronti degli estranei.

Testa: Cranio: piatto e di moderata larghezza, si restringe gradualmente verso gli occhi e moderatamente verso il muso.

Stop: ben definito ma non troppo pronunciato.

Tartufo: nero.

Canna nasale: deve misurare circa tre quinti della lunghezza del cranio.

Muso: largo, con mascelle forti. La lunghezza dallo stop al naso dovrebbe essere leggermente più corta di quella dallo stop all’occipite. Ha i muscoli delle guance ben sviluppati.

Bocca: ampia, larga, con mascelle potenti, labbra salde, pigmentate (scure).

Dentatura: denti con chiusura a forbice.

Occhi: piccoli, scuri, a forma di mandorla, con espressione acuta. Non devono essere prominenti e le rime palpebrali (i bordi delle palpebre) devono essere ben aderenti e nere.

Orecchie: a bottone o abbassate, molto mobili.

Collo: forte.

Tronco: il corpo dovrebbe essere più lungo che alto e la lunghezza misurata dal garrese alla radice della coda dovrebbe essere leggermente maggiore di quella dal garrese a terra. Torace: più profondo che largo, abbastanza ampio e con la punta del petto a metà dell’altezza da terra al garrese.

Dorso: orizzontale. Costole: dovrebbero inizialmente incurvarsi per poi appiattirsi sui lati in modo che la circonferenza dietro i gomiti possa essere contenuta tra due mani (da circa 40 cm a 43 centimetri).

Rene: corto, forte e molto muscoloso.

Arti anteriori: dritti dalla spalla alla punta dei piedi sia visti di fronte che di lato.

Spalla: ben inclinata e non appesantita dai muscoli.

Avambraccio: abbastanza lungo da consentire al gomito di stare sotto il corpo.

Sterno: chiaramente prominente rispetto alla scapola.

Arti posteriori: paralleli visti da dietro. Garretti: bassi, ben angolati.

Piedi: rotondi, duri, compatti, non larghi, dita moderatamente arcuate. Non piegati in fuori o in dentro.

Coda: a riposo può piegarsi. In movimento deve essere eretta e, se è tagliata, la sua punta deve essere allo stesso livello delle orecchie.

Mantello: raso, deve essere impermeabile e preferibilmente inalterato.

Colore: il bianco deve essere il colore predominante, con macchie nere, fulve o marroni.

Altezza al garrese: ideale da 25 a 30 centimetri.

Peso: il peso dovrebbe equivalere a 1 chilogrammo ogni 5 centimetri di altezza (approssimativamente, quindi, un cane di 25 centimetri dovrebbe pesare 5 chilogrammi e uno di 30 dovrebbe pesarne circa 6). Andatura e movimento: naturale ed elastico.

Commenta via Facebook

In Edicola

Speciali

gallery

PUBBLICA LE FOTO
DEL TUO CANE!

Condividi le immagini più belle del tuo fedele amico a quattro zampe
e vota quelle degli altri appassionati

Le foto più votate verranno pubblicate su Argos e Il Mio Cane!

CLICCA QUI PER INIZIARE