Razze

Pastore Scozzese a pelo lungo

Moltissimi di noi se lo ricordano come Lassie, il protagonista di decine di film, serie televisive, cartoni animati, fumetti e romanzi comparsi dal 1938 ai giorni nostri. Il Collie, però, è molto più che un cane bellissimo e una star dei media: è un antico pastore la cui intelligenza e capacità di cooperare con l’uomo sono stati forgiati in secoli di lavoro.

Cosa fa meglio

Intelligente e sensibile è un grande compagno nello sport  e anche un affascinante amico in famiglia.

Malattie frequenti

Nessuna in particolare.

Cuccioli

Intelligente, determinato il Collie può essere, a volte, testardo: per questo è importante impostarne l’educazione sin da quando è cucciolo ed essere sempre coerenti. Il padrone di un simile cane deve saperlo apprezzare e possedere equilibrio, intelligenza e sensibilità. Un Collie può imparare qualsiasi cosa, ma deve essergli insegnata con dolcezza, non con la forza. Il cane deve capire, anzi “sentire”, che il suo padrone ha fiducia in lui e ne è orgoglioso e contento. Il Collie ha anche bisogno di avere molti stimoli sia psicologici che fisici per sviluppare al meglio le sue grandi doti. Può vivere bene anche in casa, conducendo una vita mediamente attiva, ma il massimo di sé lo darà se impegnato e messo alla prova, e il padrone, se ne ha la possibilità, non dovrebbe privarlo e privarsi di questo immenso piacere. Come con tutte le razze, anche le più dolci e minute, è consigliabile fare con il cucciolo un corso di educazione di base, per imparare a comunicare al meglio ed evitare che si instaurino abitudini sbagliate.

Caratteristiche

  • Taglia: Media
  • Pelo: Lungo
  • Colori: Sono riconosciuti tre colori: sabbia e bianco; tricolore; blue-merle.
  • Costo nutrizione: Medio
  • Adatto ai bambini: Normale
  • Adatto allo sport: Normale

Origine

Il Collie discende da un antichissimo cane della Scozia, dove è stato selezionato per condurre le greggi, sia al pascolo che verso i mercati, ma anche come cane da fattoria, capace di fare la guardia, segnalando con uno squillante abbaio l’avvicinarsi di intrusi. Quando, nel 1860, si iniziò la selezione del Pastore Scozzese, erano indifferentemente presenti i due tipi di mantello (rough a pelo lungo e smooth a pelo corto) che vennero separati solo nel 1870. La selezione della razza, le cui caratteristiche risultarono così definitivamente fissate, si ebbe nel 1877. Il suo nome deriva dal vocabolo anglosassone Col, che significa nero, con cui venivano indicate le pecore scozzesi caratterizzate dal manto scuro e, di conseguenza, i cani addestrati alla loro conduzione e cura. 

La regina Vittoria, in un viaggio in Scozia nel 1860, ebbe occasione di vedere alcuni Collie e se ne innamorò, portandone degli esemplari a corte e sancendo in questo modo il successo della razza, poiché divenne consuetudine per i nobili averne qualche esemplare al seguito.

Carattere

Il Cane da Pastore Scozzese a pelo lungo o Collie è un cane sensibilissimo. Il lavoro nella conduzione delle greggi, avendogli imposto di dover prendere decisioni rapide in modo autonomo e al fine di ottenere il miglior risultato in una data situazione, gli ha fatto sviluppare un’intelligenza fuori del comune. Ecco il binomio che riassume il carattere della razza: sensibilità e intelligenza. Il Collie è un misto di dolcezza e decisione, amore e coraggio, istinto protettivo ed equilibrio. E’ stato utilizzato in operazioni di guerra nella ricerca dei feriti e come portaordini e ha dato straordinari risultati come guida dei non vedenti. E’ un eccellente guardiano, che protegge l’area a lui affidata, la casa, o l’automobile del padrone con decisione e coraggio, ed è un buon difensore delle persone, ma interviene solo se è veramente il caso, altrimenti nei confronti degli estranei mantiene un signorile riserbo, senza tuttavia essere mai scostante od ostile senza motivo. L’ultima cosa che resta da dire è che nonostante tutto questo insieme di amore, equilibrio, intelligenza e sensibilità, quando si presenta la necessità sa tirare fuori un temperamento di fuoco e, se deve proteggere le persone che ama lo fa con determinazione e coraggio straordinari. Il Collie ha anche bisogno di avere molti stimoli sia psicologici che fisici per sviluppare al meglio le sue grandi doti. Ecco che il padrone dovrà mettere in conto di dover stare molto assieme al suo cane, portandolo per quanto è possibile sempre con lui. Dovrà parlargli, farlo giocare, magari partecipando con lui a gare di Agility, Obedience o Sheepdog, tutte attività nelle quali il Collie eccelle, oppure arruolandosi con il suo Collie nelle Unità Cinofile della Protezione Civile.

Dovremo nutrirli con un’alimentazione sana ed equilibrata. L’ideale sono i cibi studiati per la razza o la taglia, somministrati in quantità proporzionale allo stile di vita del cane (più è sedentario, più dovremo tener leggera la sua dieta). Da evitare assolutamente bocconcini dalla nostra tavola e possibilmente i cibi fatti in casa. È molto importante che il cane abbia un’alimentazione adatta alla sua età oltre che al suo stile di vita. Un cucciolo infatti ha bisogno di un nutrimento diverso da quello di un adulto, che a sua volta ha esigenze differenti da quelle di un cane anziano. Non diamo se possibile da mangiare al cane in un’unica soluzione ma suddividiamo la sua razione giornaliera (che va stabilita con il veterinario in modo da evitare problemi di peso) in almeno due pasti al giorno o meglio ancora tre. Il cibo andrebbe somministrato a orari regolari, uguali tutti i giorni. Il nostro cane deve avere sempre a disposizione acqua fresca nella ciotola, in particolare nella stagione calda ma anche durante l’inverno. Il peso va tenuto sotto controllo regolarmente. Quando spazzoliamo e accarezziamo il nostro cane verifichiamo che la pancia non sia troppo grossa e che si sentano le costole palpandola. Se il nostro amico ci sembra soprappeso, non esitiamo a portarlo dal veterinario e a decidere con lui una strategia alimentare e un regime di moto che gli permettano di riconquistare il giusto peso. Essere troppo pesante è infatti un rischio per il cane, non solo dal punto di vista della salute ma anche da quello del carattere, perché lo porta ad avere una vita meno attiva e stimolante.
Anche se la sua straordinaria bellezza lo ha reso popolare anche come cane da compagnia, il Collie è sostanzialmente un cane rustico nato per il lavoro. La salute è in genere buona ma lo splendido mantello richiede frequenti spazzolate, fatte con giusto metodo. Bisogna procedere per gradi partendo dal basso e dal sottopelo che, solo durante la muta, “sfiocca” rendendo molto visibile il pelo da rimuovere. Dopo aver ben spazzolato il sottopelo, si passerà al pelo superiore, quello più visibile e lungo.
Cerchiamo di mantenere una buona igiene orale e facciamo dei controlli regolari per evitare la formazione di tartaro. Come per tutte le razze sono fondamentali le vaccinazioni annuali, oltre a regolari protezioni antiparassitarie (anche i cani che vivono in un ambiente pulito e casalingo possono essere attaccati dai parassiti!) e contro la Filariosi Cardio Polmonare.
Nome originale:
Pastore Scozzese a pelo lungo
Nazione:
Gran Bretagna
Altezza garrese Maschio max:
61.0
Altezza garrese Maschio min:
56.0
Altezza garrese Femmina max:
56.0
Altezza garrese Femmina min:
51.0
Peso Maschio max:

Peso Maschio min:

Peso Femmina max:

Peso Femmina min:

Club Razza:
Società Italiana Collies
Mantello:
molto denso, con pelo di copertura ruvido al tatto; il sottopelo è morbido come una pelliccia e molto compatto, tanto da nascondere quasi la pelle. La criniera e il collare devono essere molto abbondanti.
Coda:
Lunga, portata bassa e ben fornita di pelo.
Caratteristiche:
Caratteristica del Collie è soprattutto la testa a forma di cuneo ben disegnato e nettamente troncato. Altra particolarità è il mantello densissimo, diritto e ruvido al tatto, e che disegna armoniosamente i contorni dell’animale.
Standard:

Aspetto generale

Il Collie deve immediatamente conquistare come cane di grande bellezza e deve mostrare, da fermo, una impassibile dignità con ogni regione del corpo proporzionata all’insieme.

Caratteristiche
La sua struttura deve sprigionare forza e agilità senza alcuna traccia di grossolanità. L’espressione è di grande importanza ed è ottenuta dal perfetto equilibrio e disposizione del cranio e della canna nasale, dalla dimensione, forma e colore degli occhi, dalla corretta posizione e portamento delle orecchie.

Temperamento
Indole amichevole, senza traccia di nervosismo o di aggressività.

Testa e cranio
Le qualità della testa e del cranio sono di grande importanza e devono essere considerate in proporzione alla taglia del cane. Vista di fronte come di profilo la testa deve rassomigliare a un cuneo ben smussato e pulito, armonioso nelle linee. Il cranio deve essere piatto. Le facce laterali della testa devono assottigliarsi gradualmente e uniformemente dalle orecchie al tartufo nero senza zigomi prominenti o muso appuntito. Viste di profilo, le linee superiori del cranio e del muso si estendono in due linee diritte e parallele, di uguale lunghezza, separate da uno stop leggero ma percettibile. Un punto di mezzo fra gli angoli interni degli occhi (che corrisponde al centro di uno stop correttamente piazzato) è il centro di equilibrio della testa in senso longitudinale. L’estremità del muso deve essere netta e ben arrotondata, smussata ma non squadrata. Mascella inferiore forte, ben tagliata. La profondità del cranio a partire dalla fronte fino alla parte inferiore della mascella non deve essere mai eccessiva (profondità in altezza). Il tartufo deve essere sempre nero.

Occhi
Devono essere di grandezza media (mai troppo piccoli), con inserzione un po’ obliqua, a forma di mandorla e di colore marrone scuro, eccettuato che per il blue merle in cui gli occhi sono frequentemente (uno o tutti e due, o parte di uno o di entrambi) blu o macchiati di blu. L’espressione è piena di intelligenza e quando il cane è in ascolto lo sguardo è vivo e attento.

Orecchie
Le orecchie devono essere piccole né troppo ravvicinate né poste troppo di lato. Quando il cane è in riposo sono, abitualmente, gettate all’indietro ma quando il cane è vigile sono portate in avanti, semi-erette, cioè con approssimativamente due terzi dell’orecchio eretto e l’ultimo terzo cascante naturalmente in avanti.

Bocca
Denti di buona grandezza. Chiusura a forbice.

Collo
Deve essere muscoloso, potente, di bella lunghezza e ben arcuato.

Corpo
Piuttosto lungo rispetto all’altezza. Dorso fermo, leggermente rimontante verso le reni, costole ben discese, torace profondo e piuttosto ampio dietro le spalle.

Arti anteriori
Le spalle devono essere oblique e ben angolate. Gli arti diritti e muscolosi, né sporgenti né rientranti ai gomiti, con ossatura di moderata grossezza.

Arti posteriori
Gli arti posteriori devono avere cosce muscolose, metatarso asciutto e nervoso, grassella ben modellata. Il garretto piazzato abbastanza in basso e molto potente.

Piedi
Di forma ovale con dita curve e ben serrate. I piedi posteriori meno arcuati di quelli anteriori.

Andatura
Il movimento è spiccatamente caratteristico di questa razza. Un cane solido non ha mai i gomiti scollati, tuttavia esso si muove con i piedi relativamente vicini l’uno all’altro. Gli arti posteriori dal garretto fino a terra, se visti da dietro, devono essere paralleli, ma non troppo chiusi; visto di lato il movimento deve essere sciolto. Posteriori potenti, dotati di spinta. È preferibile una falcata piuttosto lunga, che deve essere leggera e senza sforzo apparente.

Coda
La coda deve essere lunga e il suo osso terminale deve raggiungere almeno l’articolazione del garretto. La coda è portata pendente con punta leggermente rivolta in alto quando il cane è a riposo, quando il cane è eccitato essa può essere portata allegramente ma mai superare la linea del dorso.

Mantello
Il mantello deve conferire armonia alle forme del cane. È molto denso, con pelo di copertura ruvido al tatto; il sottopelo è morbido come una pelliccia e molto compatto, tanto da nascondere quasi la pelle. La criniera e il collare devono essere molto abbondanti; sul muso il pelo deve essere liscio e lo stesso dicasi per le estremità delle orecchie, che devono però avere peli lunghi verso la base. Gli arti anteriori devono essere ben forniti di pelo; quelli posteriori forniti di pelo a profusione al di sopra del garretto, ma non al di sotto di questo. Il pelo della coda è molto abbondante.

Colore
I tre colori ammessi sono: sabbia e bianco; tricolore; blue-merle.
Sabbia: tutte le sfumatura da oro chiaro a sabbia sfumato a mogano intenso. Le tonalità paglia o crema sono molto indesiderabili.
Tricolore: predominanza di nero con intense focature sugli arti e sulla testa. Indesiderabili sono riflessi rossi sul nero.
Blue-merle: predominanza di blue chiaro, argentato, macchiato o marezzato di nero. Focature intense sono preferibili, ma l’assenza di queste non deve essere penalizzata. Sono invece assolutamente indesiderabili le grandi macchie nere, il color ardesia oppure i riflessi rossi sul pelo esterno o sul sottopelo. Devono avere le macchie bianche tipiche del Collie in proporzioni più o meno grandi. Sono desiderabili le seguenti marcature: collare bianco completo o parziale, pettorale bianco, gambe e piedi bianchi, punta della coda bianca. È ammessa una macchia bianca sul muso o sul cranio o su entrambi.

Taglia
Maschi: da cm 56 a cm 61 al garrese.
Femmine: da cm 51 a cm 56 al garrese.

[
Commenta via Facebook

In Edicola

Speciali

gallery

PUBBLICA LE FOTO
DEL TUO CANE!

Condividi le immagini più belle del tuo fedele amico a quattro zampe
e vota quelle degli altri appassionati

Le foto più votate verranno pubblicate su Argos e Il Mio Cane!

CLICCA QUI PER INIZIARE